• Genere:Drammatico
  • Regia:Michael Curtiz
  • Cast:Humphrey Bogart, Ingrid Bergman, Paul Henreid, Claude Rains, Peter Lorre
  • Durata:102'
  • Nazione e Anno:USA 1942

Play it, Sam, play “As the time goes by!” Suonala Sam!. Suona “Mentre il tempo passa”
Chi non ricorda questa battuta, che è una delle frasi più amate citate e imitate della storia del cinema? Viene pronunciata da una affascinante Ingrid Bergman (Ilsa) al pianista nero Sam nel night del tenebroso Humphrey Bogart (Rick) a Casablanca. Quella magica canzone li aveva visti insieme a Parigi, ma ora erano cambiate molte cose…..

…..Durante la seconda guerra mondiale migliaia di disperati scappano dall’Europa e dal pericolo tedesco, rifugiandosi a Casablanca nel Marocco francese. Qui i più fortunati ottengono dei visti che gli permettono di fuggire in America verso la libertà, ma la maggior parte dovrà restare a lungo a Casablanca, dove appunto si snoderà l’intera vicenda del film.

Rick, il solitario, schivo e piuttosto scorbutico Humphrey Bogart, è americano e non essendo coinvolto nel conflitto franco tedesco gode dello stato di neutralità, A Casablanca possiede un locale notturno dove tutti si incontrano, bevono, giocano, e tramano “every body comes to Rick’s. L’americano viene in possesso fortuitamente di due lasciapassare per il Nuovo Mondo, che poi dovrà decidere a chi dare.

Questa scelta si farà anche più dura quando nel suo locale arriverà la bellissima Ilsa Lund (Ingrid Bergman), con il marito cecoslovacco, leader della resistenza, Victor Lazlo.

Il rude Rick e l’incantevole Ilsa si conoscevano già, ma non si sa esattamente come la loro storia sia iniziata o finita quando erano a Parigi, certo è che sono ancora profondamente innamorati. Il film si dipana così sul filo di questi ed altri avvenimenti, minacce naziste, doppi giochi pericolosi e battaglie politiche. Eppure Rick, così apparentemente cinico, sempre elegantissimo, con la sua immancabile sigaretta ed il bicchiere, sceglie di rischiare, mette in pericolo la sua vita per amore e per gli ideali. Ogni visione del film  innesca perciò una gamma di emozioni infinite assolutamente imperdibili

Tratto da un’opera teatrale, fu diretto da Michael Curtiz e prodotto nel 1942 e successivamente ebbe tre Oscar: film, regia,e sceneggiatura.

Nel 1989 è stato inserito tra i film da preservare nella Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti, nel 1998 è stato inserito dall’American Film Institute tra i 100 film americani più belli di tutti i tempi.

Passa in TV anche in edizione colorizzata. La Warner Home Video ha pubblicato di recente un’edizione Blu-Ray ricca di contenuti speciali e con audio e video restaurati nella perfezione dell’high definition digitale

E’ davvero un capolavoro straordinario ed intramontabile, oggetto di culto per le giovani generazioni di mezzo mondo.