http://youtu.be/xbp5Bc-GXEw

Daniele Vicari ha presentato alla Berlinale il suo film dal titolo “Diaz – don’t cliean up this blood”, un film incentrato sul G8 che cerca di metterne in luce i momenti più oscuri, i momenti in cui la giustizia ha smesso di essere tale ed ha abusato del suo potere,  momenti che è giusto vengano ricordati in onore della verità.

Daniele Vicari è riuscito alla Berlinale ad assicurarsi il favore del pubblico ottenendo il secondo posto all’Audencie Award, il riconoscimento offerto direttamente appunto dal pubblico presente alle proiezioni. Anche se il riconoscimento più importante del festival di Berlino è senza dubbio l’Orso d’Oro è ovvio che anche il riconoscimento del pubblico non deve essere considerato di secondo livello, dopotutto infatti è il pubblico che viene in sala e spende dei soldi per vedere un film.

Genova 21 luglio 2001, ore 24. Sono 400 i poliziotti che fanno irruzione nella scuola Diaz-Pascoli dove ha sede il Genoa Social Forum e dove gli spazi sono stati adibiti per l’occasione a dormitorio. Al suo interno sono presenti 93 persone e tutte vengono arrestate. Non si tratta però soltanto di questo, non si tratta però soltanto di un arresto di massa, si tratta piuttosto di un vero e proprio massacro.

Alla fine degli scontri le persone rimaste ferite sono 70 di cui 3 in prognosi riservata. Una persona è addirittura entrata in coma. 75 persone vengono portate al carcere di Bolzaneto e qui vengono torturate. Forse avevano opposto resistenza? È questa la domanda che balena subito nella mente di tutti perché se la risposta fosse positiva potremmo almeno trovare un barlume di comprensione anche se non certo di giustificazione a queste azioni violente. La risposta però non è positiva, nessuno ha opposto resistenza.

Daniele Vicari vuole che tutti aprano gli occhi su ciò che è successo a Genova nel 2001, vuole che tutti si rendono conto che in quel momento c’è stata una vera e propria sospensione dei diritti civili e che quella notte si è perpetrato uno degli eventi più drammatici della storia italiana degli ultimi anni.

Presto potremo finalmente anche noi in Italia gustare appieno la bellezza e l’intensità di questo film drammatico. Arriverà infatti nelle nostre sale il 13 aprile 2012.

  • Regia: Daniele Vicari
  • Sceneggiatura: Daniele Vicari, Laura Paolucci
  • Attori: Elio Germano, Claudio Santamaria, Rolando Ravello, Aylin Prandi, Alessandro Roja, Monica Birladeanu, Jennifer Ulrich, Renato Scarpa, Davide Iacopini, Paolo Calabresi, Fabrizio Rongione, Ignazio Oliva
  • Produzione: Fandango, Le Pacte, Mandragora Movies
  • Distribuzione: Fandango