• Genere:azione, avventura
  • Regia:Shane Black
  • Sceneggiatura:Shane Black, Drew Pearce
  • Cast:Robert Downey Jr., Gwyneth Paltrow, Guy Pearce, Don Cheadle, Rebecca Hall, Paul Bettany, Ben Kingsley, Jon Favreau, William Sadler, James Badge Dale, Bingbing Fan, Yvonne Zima, Stephanie Szostak, Dale Dickey, Ty Simpkins, Xueqi Wang, Ashley Hamilton, Marco Sanchez, Spencer Garrett, Bridger Zadina
  • Distribuzione:Walt Disney Pictures Italia
  • Produzione:DW Films, Marvel Studios
  • Durata:130 minuti
  • Nazione e Anno:USA 2013

Il 31 dicembre del 1999 Tony Stark e la sua fidanzata, la scienziata Maya Hansen, sono ad una conferenza in Svizzera. Durante la serata vengono avvicinati da Aldrich Killian, uno sconosciuto che propone a Tony, ben noto miliardario, di finanziare un misterioso progetto chiamato Extremis. L’uomo, però, non accetta.

Sono passati vari anni da allora e adesso, nel presente, Tony si ritrova a implementare sempre nuove armature: ormai ne ha ben 42, tutte una più sofisticate delle altre. Il suo è un lavoro estenuante, una fatica che lo ha portato a diventare ogni giorno più nervoso, a soffrire di attacchi di panico e di insonnia, tutti legati al terribile momento in cui rimase intrappolato nel portale dimensionale.

Intanto gli Stati Uniti sono vittima di un gruppo di terroristi associati in una setta, i Dieci Anelli, che inviano minacciosi messaggi televisivi alla nazione. Il loro capo è il perfido Mandarino, una sorta di profeta cinese dal quale la setta stessa dipende. In un momento come questo, il presidente ha la necessità di rassicurare la nazione.

Nel momento di massima vulnerabilità, il ruolo di Tony diviene così fondamentale, ma questa volta sarà costretto ad affrontare il nemico senza i dispositivi da lui creati, affidandosi solo a se stesso e al proprio fiuto. Mai come ora la domanda che lo ha segretamente perseguitato avrà la sua risposta: è l’uomo che fa l’armatura o è l’armatura che fa l’uomo?

Con Iron Mai 3 si chiude il capitolo della saga dedicata proprio al personaggio omonimo della Marvel, cominciato con Iron Man e proseguito con Iron Man 2. Protagonista è ancora una volta Robert Downey Jr., che ben interpreta il ruolo duplice dell’eroe e dello sfacciato miliardario. Accanto a lui, diretti da Shane Black, ci sono Gwyneth Paltrow (di recente nominata la donna più bella del mondo…), Ben Kingsley e Don Cheadle. Ma Iron Man 3 rappresenta anche il settimo film della saga cinematografica prodotta proprio dalla Marvel Studios e denominata Marvel Cinematic Universe, della quale si attende, nel 2015, il nuovo film: The Avengers 2.

Già campione di incassi al botteghino sia in Italia che all’estero, il personaggio di Iron Man ha letteralmente catturato l’attenzione creativa sia dell’attore protagonista che del regista, che insieme hanno elaborato dettaglio per dettaglio Iron Man 3. «Il mio primo contatto con Iron Man risale probabilmente ai primi anni Sessanta – spiega Black -. Ero letteralmente drogato di quei vecchi supereroi, in particolare Hulk e Iron Man, ma molto più Iron Man, perché era super tecnologico e molto più figo. Amavo davvero i robot e amo ancora i robot che assomigliano a Iron Man e quella specie di combinazione che sono i cyborg. Adoravo L’uomo da sei milioni di dollari o altri del genere. Quindi ho sempre avuto questa sorta di amore ipertecnologico alla Michael Crichton per questo tipo di supereroi». «Tony Stark ha così tanti guai – conclude il regista -, così tante fobie, ma solo più tardi sono arrivato ad apprezzare anche questo. È ciò che rende il personaggio perfetto per Downey ed è ciò che ora mi mette in azione».