Chi negli Anni Ottanta era un bambino, anzi una bambina, di certo avrà visto almeno una puntata del cartoon Jem e le Holograms. La buona notizia è che, molto presto, il cartone animato diventerà un vero e proprio film per il cinema.

All’epoca, la serie animata andava molto forte in tv, tanto che lo stile modaiolo della mitica Jem era in piena linea con quegli anni, ispirando generazioni di adolescenti che, pur senza ammetterlo, erano pazze della cantante super fashion dei cartoon. In realtà, la serie venne finanziata dalla Hasbro per promuovere una linea di bambole, e realizzata dalla Sunbow Productions, già famosa per aver realizzato cartoni come Transformers, Mio Mini Pony e G. I. Joe.

E proprio la produzione di G.I. Joe – La vendetta, ha permesso alla Hasbro e al regista Jon M. Chu di incontrarsi per la prima volta e imbastire, in un secondo momento, il progetto del film Jem and the Holograms, ritenendo il personaggio di Jerrica Benton troppo affascinante per non essere portato sul grande schermo. La cosa divertente è che la realizzazione del film è stata ideata in maniera decisamente innovativa, attraverso una sorta di crowfunding senza soldi – così come l’ha definita Chu – in quanto con un video di presentazione viene chiesto ai fan di partecipare attivamente alla scelta dei costumi, delle musiche, ecc., il tutto per realizzare un film così come lo immaginano e lo desiderano i fan (ormai grandicelli) delle Holograms.

Un progetto partecipativo davvero singolare, unico nel suo genere. Finora, infatti, avevamo visto progetti cinematografici alla ricerca di fondi per finanziare i propri film, così come è successo per Veronica Mars – Il film, ma mai si era pensati ad una cosa così divertente! Vediamoci il video di presentazione del regista e del suo team:

(fonte foto: nukethefridge.com)