• Genere:Horror
  • Regia:Fede Alvarez
  • Sceneggiatura:Fede Alvarez, Rodo Sayagues, Diablo Cody, Sam Raimi
  • Cast:Jane Levy, Shiloh Fernandez, Jessica Lucas, Lou Taylor Pucci, Jim McLarty, Elizabeth Blackmore
  • Distribuzione:Warner Bros. Italia
  • Produzione:FilmDistrict, Ghost House Pictures, Sony Pictures Entertainment
  • Durata:91
  • Nazione e Anno:USA 2013

Quando poco più di 30 anni fa uno sconosciuto Sam Raimi portò sul grande schermo La casa, fu subito “amore”. Il regista, infatti, colpì per la sua inventiva e per aver creato, con un solo film, un vero e proprio filone di interesse per tutti gli altri cineasti che lo avrebbero succeduto. E, esattamente dopo 32 anni, ecco arrivare nelle sale il remake de La casa, un annuncio che ha destato, in prima battuta, non poca disapprovazione da parte dei fan di Raimi e del suo inconfondibile stile: la paura di trovarsi davanti ad un film insipido, edulcorato per piacere ai ragazzini, di certo non sarebbe stato apprezzato.

Ed invece, Raimi ha scelto un regista emergente per questo remake, restando comunque dietro la camera da presa quantomeno come sceneggiatore. L’uruguaiano Fede Alvarez, il nuovo regista de La casa, si era fatto da notare da Raimi per un suo particolare corto, Panic Attack!, girato praticamente a costo zero e che lo ha convinto ad affidare proprio a lui il remake del suo primo, amato, film.

Anche il cast segue l’intenzione di impiegare in questo remake dei personaggi quasi sconsciuti ai più: gli attori, infatti, provengono per lo più da serie tv a basso costo e sono decisamente poco noti al grande pubblico. Una scelta che, evidentemente, porta ad esaltare la trama e non a focalizzarsi su grandi nomi. E a buona ragione: La casa è sul podio dei film più visti dello scorso week end!

La trama

Mia è una ragazza profondamente scossa da un lutto, un episodio che le ha completamente cambiato la vita. Ora è una tossicodipendente, ma negli sprazzi di lucidità si rende conto che non è quella la vita che aveva sognato per sé. Decide allora di provare a disintossicarsi una volta per sempre, e sa che non può farlo da sola.

Chiede aiuto a suo fratello David e a Natalie, la sua ragazza. Per appoggiare Mia, David e Natalie chiamano anche Olivia ed Eric, amici di infanzia della ragazza, e tutti insieme si trasferiscono nel vecchio cottage di famiglia – che ormai nessuno usa più da anni – per cercare di sostenere Mia in questo lungo calvario.

Giunti al cottage nei boschi, Mia distrugge davanti a tutti l’ultima dose di droga che ha con sé, promettendo che smetterà per sempre di usarla.

Dopo poco, però, i ragazzi scoprono che il loro cottage è stato profanato. Approfittando della lunga assenza da quella casa, qualcuno ha pensato fosse abbandonata: in cantina, infatti, è stato allestito un macabro altare con decine di animali mummificati. Uno spettacolo orrendo, grottesco, che incute timore in tutti i ragazzi. Ma la curiosità è forte e, sbirciando fra le varie cose trovate nella casa, Eric viene in possesso un antico e misterioso libro. Questi rimane subito affascinato da quelle pagine misteriose, da quella rilegatura vecchia eppure così suggestiva, da quell’odore di passato…

Soggiogato competentemente dalla curiosità, Eric comincia a leggere alcuni brani di quel libro ad alta voce. Ma non sa che quelle parole hanno risvegliato demoni impossibili da domare e terribili conseguenze stanno per arrivare. Per tutti.