Di T.Sean Durkin, con Elizabeth Olsen, Christopher Abbott, Bray Corbet, Hugh Dancy, Maria Dizzia USA 2010.

Sean Durkin, giovane regista di  grandi doti, segue la fuga di una ragazza rimasta due anni in una specie  di comune post hippie retta da un guru carismatico, in bilico tra seduzione e imposizione. Il film, raccontato in flashback, alterna la luce  di un possibile ritorno alla vita normale , dato che la ragazza si è rifugiata dalla sorella che , con il marito è la classica coppia borghese e, ai quali però non osa raccontare la verità sul suo passato e il segreto che circonda la sua lunga sparizione, ai ricordi del gruppo di adepti, trascinando anche lo spettatore in un clima ipnotico di terrore e incertezza Realtà e illusione si confondono. Il  pensiero che la setta sia alla sua ricerca non la abbandona mai e i ricordi che la perseguitano si trasformano poco a poco in una vera paranoia.

Un film interessante e che a riscosso molto successo nel 2011 a Cannes e al Sundance.