Olivier Père, direttore artistico del Festival del Film di Locarno, ha annunciato che, durante la sessantaquattresima edizione della manifestazione cinematografica che si terrà dal 3 al 13 agosto, sarà consegnato il premio alla carriera ad Abel Ferrara. Il regista americano riceverà il Pardo d’onore Swisscom, il premio attribuito ogni anno a un regista contemporaneo per l’insieme della sua opera.

L’ambito riconoscimento è assegnato dal 1989 e, nel corso degli anni, hanno ricevuto il premio i più grandi registi del cinema contemporaneo, da Manoel de Oliveira a Bernardo Bertolucci (quest’anno premiato a Cannes con la Palma d’Oro alla carriera), da Ken Loach a Jean-Luc Godard fino a Wim Wenders e ai premiati 2010, il cinese JIA Zhang-ke e lo svizzero Alain Tanner.

Durante la cerimonia di premiazione, che avverrà il 5 agosto in Piazza Grande a Locarno, verranno proiettati alcuni estratti dell’ultimo lavoro di Abel Ferrara, “4:44 Last Day on Earth”, con Willem Dafoe e Shanyn Leigh, presente nella sezione Marché del Festival di Cannes dedicata all’industria cinematografica, all’acquisto e alla vendita delle nuove pellicole. Il film parla della storia di una coppia costretta ad affrontare una grande catastrofe che segnerà la fine del pianeta Terra.

Ferrara, che il prossimo 19 luglio compirà 60 anni, è nato nel Bronx, a New York da genitori di origine italiana e irlandese. Ha debuttato nel 1979 con “The Driller Killer”, seguito da “L’angelo della vendetta” del 1981. Dopo una parentesi televisiva, Ferrara ha iniziato a lavorare con lo sceneggiatore Nicholas St. John. La prima opera del loro sodalizio è il gangster movie “King of New York”, con Christopher Walken. Il regista ha firmato i suoi capolavori tra il 1992 e il 1995: “Il tenente cattivo”, “The Addiction” e “Fratelli”.