Russell Crowe nasce in Nuova Zelanda a Wellington nel 1964.

Si trasferisce in Australia da bambino dove intraprende una carriera televisiva di successo.

Dopo avere tentato la strada della musica e del teatro (recita in “Grease” e “The Rocky horror picture show”) si afferma nel cinema con “Skinheads”.

Debutta a Hollywood nel 1995 con due film: “Virtuality” e “Pronti a morire”. Al pubblico, comunque, inizia a diventare noto per il film “L.A. Confidential”. Un altro successo arriva con “The Insider”, anche se la consacrazione definitiva di Crowe la si ha con “Il Gladiatore”. Ambientato nella Roma imperiale e vincitore di cinque premi Oscar, il film è il punto di inizio di quel sodalizio fra l’attore naturalizzato australiano e il regista Ridley Scott. L’anno seguente l’attore bissa di nuovo il successo col film “A beautiful Mind”, anche se, un po’ a sorpresa, non ottiene l’Oscar per la migliore interpretazione. Nel 2003 interpreta il film d’avventura “Master & Commander”, mentre nel 2005 interpreta il pugile di origine irlandese James Braddock in “Cinderella Man”. Nel 2006 e nel 2007 recita in due film di Ridley Scott: la commedia sentimentale “Un’ottima annata” e il gangster-movie “American Gangster”. Dopo un western (“Quel treno per Yuma”), recita di nuovo per Scott nel film “Nessuna verità”. Gli ultimi film da lui interpretati sono “State of play”, “Tenderness”, “The next thre days” e “Robin Hood”, alla cui regia ritrova ancora una volta il regista-amico Ridley Scott.

 

Dotato di un estro e di una versatilità atipica, Russell Crowe è un attore completo che ha saputo accostare ad un fisico “hollywoodiano” quelle doti interpretative tipiche di un attore teatrale.

 

Filmografia:

Cinema:

  • Giuramento di sangue (Blood Oath), regia di Stephen Wallace (1990)
  • The crossing, regia di George Ogilvie (1990)
  • Istantanee (Proof), regia di Jocelyn Moorhouse (1991)
  • Spotswood, regia di Mark Joffe (1992)
  • Skinheads (Romper Stomper), regia di Geoffrey Wright (1992)
  • Un piccolo grande eroe (Hammers Over the Anvil), regia di Ann Turner (1993)
  • For the Moment, regia di Aaron Kim Johnston (1993)
  • Love in Limbo, regia di David Elfick (1993)
  • The Silver Brumby, regia di John Tatoulis (1993)
  • Tutto ciò che siamo (The Sum of Us), regia di Geoff Burton e Kevin Dowling (1994)
  • Pronti a morire (The Quick and the Dead), regia di Sam Raimi (1995)
  • Fino alla fine (No Way Back), regia di Frank A. Cappello (1995)
  • Virtuality (Virtuosity), regia di Brett Leonard (1995)
  • Miss Magic (Rough Magic), regia di Clare Peploe (1995)
  • L.A. Confidential, regia di Curtis Hanson (1997)
  • Paradiso di fuoco (Heaven’s Burning), regia di Craig Lahiff (1997)
  • Breaking Up – Lasciarsi (Breaking Up), regia di Robert Greenwald (1997)
  • Mistery, Alaska, regia di Jay Roach (1999)
  • Insider – Dietro la verità (The Insider), regia di Michael Mann (1999)
  • Il gladiatore (Gladiator), regia di Ridley Scott (2000)
  • Rapimento e riscatto (Proof of Life), regia di Taylor Hackford (2000)
  • A Beautiful Mind, regia di Ron Howard (2001)
  • Master and Commander – Sfida ai confine del mare (Master and Commander: The Far Side of the World), regia di Peter Weir (2003)
  • Cinderella Man – Una ragione per lottare (Cinderella Man), regia di Ron Howard (2005)
  • Un’otttima annata (A Good Year), regia di Ridley Scott (2006)
  • Quel treno per Yuma (3:10 to Yuma), regia di James Mangold (2007)
  • American Gangster, regia di Ridley Scott (2007)
  • Nessuna verità (Body of lies), regia di Ridley Scott (2008)
  • State of Play, regia di Kevin MacDonald (2009)
  • Tenderness, regia di John Polson (2009)
  • Robin Hood, regia di Ridley Scott (2010)
  • The Next Three Days, regia di Paul Haggis (2010)