Gli unici a non apprezzare il film di David Fincher, uscito negli Stati Uniti con grande successo di pubblico lo scorso 1 ottobre, secondo indiscrezioni sarebbero proprio i vertici di Facebook, primo tra tutti il suo fondatore Mark Zuckerberg.

Sarà perché “The Social Network” è tratto dal best seller di Ben Mezrich dal titolo “Miliardari per caso – L’invenzione di Facebook: una storia di soldi, sesso, genio e tradimento“.

Un titolo, che è tutto un programma, per la storia non ufficiale e romanzata della nascita del social network più famoso al mondo, scritta per giunta con la consulenza di quel Eduardo Saverin, cofondatore di Facebook, che dopo averci litigato, ha trascinato il suo ex socio Zuckerberg in tribunale per una causa da 600 milioni di dollari.

Ai botteghini, negli Stati Uniti, il film è già un successo, nonostante le poche settimane di programmazione, con ottime recensioni da parte dei critici. In italia, invece, il film sarà proiettato in anteprima nel corso del Festival Internazionale del Film di Roma e arriverà nelle sale cinematografiche a partire dal prossimo 12 novembre.

Nei panni del ragazzo, che ha rivoluzionato il mondo di Internet ed il modo di comunicare di tutti noi, c’è il giovanissimo attore statunitense Jesse Eisenberg. Il racconto del film parte dagli anni turbolenti in cui Zuckerberg mise a punto la sua idea rivoluzionaria in un dormitorio dell’università americana di Harvard, dopo aver litigato con la sua ragazza.

Successivamente ripercorre i momenti che portarono alla fondazione di Facebook, avvenuta nel 2004, per poi arrivare ai giorni in cui lo stesso Zuckerberg fu trascinato in tribunale dal suo ex socio Saverin.