Quando si era iniziato a sentire che avrebbero fatto l’ennesima replica su grande schermo di un fumetto, molti avevano inziato a sbuffare. “E basta…”

Ma poi, un po’ alla volta, grazie alle anticipazioni, ai primi trailer, il dubbio è venuto fuori: che Kenneth Branagh non sia davvero quello giusto per proporre Thor? Che forse questa sia la volta che da un fumetto Marvel non venga fuori paccottiglia?

Ora, sarà una gara tra gli entusiasti e gli scettici il 29 di aprile, quando Thor arriva nelle sale. Per quanto riguarda la storia, di solito, ci si aspetta che sia abbastanza fedele al fumetto: cacciato dal suo pianeta, poichè ritenuto indegno da suo padre Odino, interpretato da Anthony Hopkins, Thor –Chris Hemsworth– arriva sulla Terra dove, come Superman diventa Clark Kent, lui diventa Donald Blake. Aiutato dalla coraggiosa scienziata, Natalie Portman, il grande dio caduto, riuscirà non solo a salvare il pianeta dall’attacco delle forze oscure, ma superera anche la tracotanza che gli ha causato la cacciata dal suo mondo.

Il film arriverà nelle sale anche in 3d, ma come convertito: è stato girato in 2d. Ma sinceramente non credo che sarà una delusione: gli effetti speciali si sprecano e Branagh avrà sicuramente messo tutte le sue doti in pellicola, per rendere quello che lui stesso ha definito uno dei grandi eroi della sua infanzia.

Infine, il grande Thor non dovrà combattere solo per salvare la Terra, ma anche per salvare la faccia. Infatti, al botteghino, non sarà l’unico supereroe a contendersi il pubblico: con lui, vedremo il nuovo Batman di Christopher Nolan, il ritorno di Ironman e il terzo capitolo dei Transformer.

Che vinca il migliore.